Citra. La scoperta del Dio della vita

Citra. La scoperta del Dio della vita Titolo: Citra. La scoperta del Dio della vita
Autore: Rabindranath Tagore
Traduttore: M. Rigon
Editore: Paoline Editoriale Libri
Anno edizione: 2012
EAN: 9788831541763

Le trentotto poesie che formano il Citra sono state composte da Tagore nello spazio esatto di tre anni, tra il marzo 1893 e il marzo 1896. A quel tempo il poeta trentaduenne, sposato da dieci anni e padre di cinque figli (l’ultimo è del 1894), vive una vita familiare piena di interessi e di impegni a Calcutta ed è già apprezzato e conosciuto in patria per le sue numerose pubblicazioni. Le poesie di questa raccolta sono state suddivise in cinque classi, secondo il tema dominante: 1) La percezione della bellezza; 2) l’amore per l’uomo e per la terra; 3) il Dio della vita; 4) il lavoro e il dovere; 5) la morte. Citra, che è anche il titolo di una poesia, in lingua bengoli significa "variopinta" e si riferisce alla bellezza dell’universo: bellezza di suoni, colori, forme, profumi… L’opera testimonia il passaggio della percezione della bellezza da fisica e sensibile a spirituale e interiore.

Dimensioni della letteratur...

Dimensioni della letteratur…

All’interno dell’universo dei discorsi scritti, l’insieme di testi che da un paio di secoli a questa parte siamo abituati a chiamare "letteratura" ha assunto una fisionomia particolare. La scrittura letteraria s’avvale di strumenti espre…

I desideri della fiaba

I desideri della fiaba

"L’uguaglianza tra poesia e fiaba: entrambe rendono possibile l’impossibile, rivoluzionano tempi e spazi, donano un mentale e fisico emozionale senso di libertà. E lo fanno trasportando poeta e lettore nell’universo altro del silenzio. Della …

Da Cenerentola a Cappuccett...

Da Cenerentola a Cappuccett…

Nel secolo centrale della Modernità, il racconto fiabesco è un genere per le corti delle ricche e favolose città d’Europa. Ii materiali di diverse tradizione del Mediterraneo sono lavorati con l’ottica sofisticata, piacevole e in apparenza disimpe…

Cianfrusaglie del passato. ...

Cianfrusaglie del passato. …

"Confidarsi in pubblico è come perdere l’anima. Qualcosa bisogna pur tenere per sé" ha detto Wislawa Szymborska. E ha detto anche: "Cerco di non pensare troppo a me, e non lo dico per smanceria o per ingraziarmi il lettore. È la ver…

Il canto del mondo reale. V...

Il canto del mondo reale. V…

Virginia Woolf (1882-1941) è diventata nel corso del secolo una vera e propria icona in tutto il mondo. La sua leggenda, intrecciata a quella dell’eccentrico gruppo di Bloomsbury, è stata spesso interpretata a partire dal suicidio, un ultimo gesto…

Pasolini, il corpo della città

Pasolini, il corpo della città

Perché proprio Pasolini? Si può scrivere di Pasolini narratore, poeta, sceneggiatore, saggista, regista. Biondillo ha scelto di parlare di un Pasolini inedito: Pasolini poeta della città, lettore della metropoli. Lo spazio urbano non è un argoment…

Il risveglio dell'ombra

Il risveglio dell’ombra

Damlo Rindgren è un ragazzo sensibile e sognatore, coinvolto in eventi più grandi di lui. Il fato gli ha dato un ruolo. Lo ha costretto a fuggire in territori ostili, a mettere a frutto le sue capacità, comprese quelle che ancora non conosce. Daml…

I sentieri si tracciano cam...

I sentieri si tracciano cam…

Le nostre abitudini emotive, comprese le inquietudini, lo stress, l’ansia, sono paragonabili a sentieri tracciati in profondità nel terreno. Sono percorsi abituali della nostra mente, reazioni consolidate alla realtà esterna, che alla lunga posson…

Dizionario di sociologia

Dizionario di sociologia

"Il Dizionario di Sociologia" propone spiegazioni e chiavi interpretative dei comportamenti sociali, individuali e collettivi delle società contemporanee che i lettori attenti non mancheranno di trovare sorprendentemente attuali. La stru…

Spazio. Ediz. illustrata

Spazio. Ediz. illustrata

Spegni la luce e… comincia a leggere! Un libro per i bambini che vogliono scoprire le meraviglie del nostro universo attraverso un testo semplice, ma scientificamente corretto. E l’emozione non deriva solo dal conoscere i pianeti, le fasi lunari…

Lascia un commento