Il destino degli aztechi

Il destino degli aztechi Titolo: Il destino degli aztechi
Autore: Alessandro Barsotti
Editore: Gruppo Albatros Il Filo
Anno edizione: 2008
EAN: 9788856704235

14 agosto 1540. Hernán Cortés è vecchio e stanco. Ha realizzato i suoi progetti, conquistando la grande potenza del Messico e glorificando la corona di Spagna. Ma proprio la madrepatria ora vuole verificare la sua fedeltà, e quasi mette in dubbio il valore delle sue imprese. In questo grave frangente, dove tutte le sue certezze sembrano venir meno e anche la ricerca di una soluzione pare uno sforzo insormontabile, si verifica un fatto straordinario: Montezuma lo cerca. Lo spirito dell’ultimo imperatore azteco, morto anni prima, lo costringe a un faccia a faccia durante il quale si ripercorrono le ultime tappe della conquista del dorato impero precolombiano. Cortés non si sottrae, rivede se stesso quando, giovane pieno di ambizione e speranze, era disposto a tutto pur di ottenere la sua vittoria.

Ma rivive anche tutte le sue incertezze, le ingenuità nel farsi manipolare dalla stupenda Malinche, scopre la debolezza e la rassegnazione di Montezuma, rinnova la stima nei confronti del suo nemico e il disprezzo per i suoi rozzi alleati.

La memoria degli alberi

La memoria degli alberi

"La memoria degli alberi" racconta una rinascita. Marion è una ragazza di oggi matura e sensibile, che si sveglia in una clinica per malati mentali e non ricorda gli ultimi anni della sua vita. Il suo corpo è segnato da cicatrici recenti…

La leggenda degli Eldowin

La leggenda degli Eldowin

Venti di guerra spirano sull’Arwal. Le mire espansionistiche di Adras, eminenza grigia dell’Argelar, sembrano inarrestabili. Manipolando come un fantoccio il piccolo sovrano di Rygan, il mago rivolge la propria attenzione al ducato di Vniri, domin…

L' ultima profezia del mond...

L’ ultima profezia del mond…

L’impero orco vive in pace a fianco del regno degli Uomini. Il confine delle terre ignote si è spostato sempre più a oriente. Oltre una muraglia maltenuta vivono gli Yurdioni, popolo feroce. Sotto il loro attacco l’impero orco crolla, il regno deg…

Tutto quello che pensiamo q...

Tutto quello che pensiamo q…

Tutto quello che pensiamo quando parliamo d’amore è una toccante storia di sacrifici e speranze, perdite e amore, miti e memoria.

«Vi sfido a non innamorarvi della famiglia Grasso.» – Library Journal

Sono p…

Finanza d'impresa e sistemi...

Finanza d’impresa e sistemi…

Il volume, rivolto ad un pubblico che intende accostarsi alla storia della finanza d’impresa e dei sistemi finanziari, riflette il crescente interesse per gli aspetti monetari che hanno accompagnato e sostenuto lo sviluppo economico dei paesi occi…

Il fine della chiocciola. 5...

Il fine della chiocciola. 5…

Oltre all’età avanzata e alla realtà rurale che condividono, un aspetto fondamentale accomuna i protagonisti di queste storie: una scorza, come una seconda pelle, che in un certo senso li rende degli eroi sull’orlo della vita, sopravvissuti non so…

Vecchie cadenze e nuove [1899]

Vecchie cadenze e nuove [1899]

Emilio De Marchi si propone in questo volume nelle vesti inconsuete di poeta. La raccolta si divide in tre parti: varietà metrica e inquietudini moderne nelle prime due intitolate "I segreti pensieri" e "Vaganti immagini", comp…

Regola della comunità

Regola della comunità

La Regola della Comunità è una delle opere più significative del corpus qumranico. Nelle undici colonne di cui si compone, questo testo esprime una teologia complessa e profonda e insieme offre squarci di vita della comunità di Qumran. La Regola è…

Le sculture Farnese. Vol. 2...

Le sculture Farnese. Vol. 2…

Iniziata da Alessandro Farnese, futuro papa Paolo III (1543-1549), la Collezione – composta da oltre 300 elementi – è una delle più grandi, se non addirittura la maggiore raccolta storica di sculture antiche formatasi nel Rinascimento che sia rima…

1913. L'anno prima della te...

1913. L’anno prima della te…

Il 1913 è l’anno chiave del ventesimo secolo, dove nulla sembra impossibile, l’anno in cui ha inizio il nostro presente. Tanto la letteratura quanto l’arte e la musica sono ancora estranee alla perdita dell’innocenza che l’umanità avrebbe sperimen…

Lascia un commento