L’ identità del medio nel primo modo della prima figura sillogistica secondo Aristotele

L' identità del medio nel primo modo della prima figura sillogistica secondo Aristotele Titolo: L’ identità del medio nel primo modo della prima figura sillogistica secondo Aristotele
Autore: Paolo Cosenza
Editore: Rubbettino
Anno edizione: 2006
EAN: 9788849819700

Per chi scorra con lo sguardo l’antecedente di "Barbara", gli si para dinanzi la diversa espressione ricevuta dal medio nelle premesse: il medio nella premessa maggiore è indicato sotto la forma "ogni B" e nella minore sotto la forma "B". Da tale considerazione ha preso spunto la ricerca condotta da Paolo Cosenza nel presente lavoro. Vi si mostra che, soltanto se si risale al sistema assiomatico in cui si trova inserito il primo modo della prima figura, è possibile rendersi conto come Aristotele in An. Pr. A 4 abbia potuto porre al riparo Barbara, nonché ogni altra formulazione del primo modo della prima figura in cui il medio sia espresso in forme differenti, da qualsiasi difficoltà a cui un tal genere di disformità potrebbe dar luogo, ed abbia potuto classificare il primo modo della prima figura in tutte le sue formulazioni come una forma sillogistica autoevidente.

Fondamento della contraddiz...

Fondamento della contraddiz…

Il principio di non contraddizione, che Aristotrele chiamò il "principio più saldo di tutti", è da sempre considerato il fondamento stesso del pensiero. Un passaggio obbligato che si presenta tuttavia come un’ardua strettoia, giacché se …

Platone e i fondamenti dell...

Platone e i fondamenti dell…

Da questo volume esce una nuova interpretazione "globale" di Platone, che, ricuperando la teoria dei principi supremi, presentata nelle "dottrine non scritte" come ancora al di sopra della teoria delle Idee, con tutte le conseg…

Ragioni della razionalità. ...

Ragioni della razionalità. …

In breve, "razionale è una persona a cui importa più di imparare che di avere ragione". E val la pena ripetere con Albert Einstein che "nel campo di coloro che cercano la verità non esiste nessuna autorità umana; e chiunque tenti di…

Il silenzio della tirannide

Il silenzio della tirannide

Nel 1939 Alexandre Kojève portò a termine quelle lezioni sulla "Fenomenologia dello spirito", che iniziate nel 1938, lo imposero come uno dei più importanti interpreti di Hegel di tutto il Novecento. Da allora sparì dalla scena filosofic…

Il tempo della secolarizzaz...

Il tempo della secolarizzaz…

Un’attenta e rigorosa ricostruzione dell’itinerario di pensiero di Karl Löwith, uno dei maggiori filosofi tedeschi del XX secolo. Formatosi alla scuola di Husserl e di Heidegger, negli anni inquieti della repubblica di Weimar, mosse i suoi primi p…

L' immaginario e il simboli...

L’ immaginario e il simboli…

Se, nelle parole di Hegel, ¡I Neoplatonismo rappresenta l’espressione più compiuta del pensiero antico e di tale espressione Proclo (412-485 d.C), successore di Platone alla guida dell’Accademia di Atene, ha elaborato la versione più raffinata, ar…

Al risveglio dal sogno. La ...

Al risveglio dal sogno. La …

Il XX secolo ha segnato la fine del sogno leibniziano di elaborare un grande sistema assiomatico che permettesse di risolvere ogni disputa, in qualunque ramo del sapere, attraverso un semplice calcolo. Il teorema d’indecidibilità di Church, infatt…

Nel cuore della scelta. Kie...

Nel cuore della scelta. Kie…

Obiettivo del lavoro è quello di richiamare l’attenzione sugli elementi di radicale problematicità dell’esperienza formativa, laddove essa si confronta con percorsi complessi di costruzione della scelta, che non trovano supporti e contributi signi…

La nostalgia del totalmente...

La nostalgia del totalmente…

Articolato attorno ai concetti di concordanza, coincidentia e praecisio, questo libro intende riproporre la vexata quaestio circa la modernità di Cusano, interpretandola però come una domanda aperta e scandalosa, in grado di mettere in questione l…

Senso e origine della doman...

Senso e origine della doman…

Ci ricorda Gadamer come sia stato proprio nello scambiarsi dei ruoli tra interrogante e interrogato, tra sapere e non sapere – uno scambio di ruoli con cui Platone, per primo, ci aveva costretto a fare i conti – a venire in luce il carattere preli…

Lascia un commento