La mobile. Racconti metropolitani

La mobile. Racconti metropolitani Titolo: La mobile. Racconti metropolitani
Autore: Paolo Brera,Celeste Bruno
Editore: Ugo Mursia Editore
Anno edizione: 2009
EAN: 9788842541769

"Storie di sesso, di violenze e di vite quotidiane dove non sempre il bene trionfa, ma dove la legge, inesorabilmente, fa il suo corso. Uno scontro frontale con la realtà della sopravvivenza e delle leggi dei tribunali, a volte stridenti con quelle umane".

Una tranquilla famiglia a bordo di un’utilitaria viene travolta da una raffica di colpi d’arma da fuoco, una giovane coppia di rumeni viene vessata da alcuni connazionali, il corpo di una ragazza nuda viene ritrovato a Quarto Oggiaro durante la notte, una madre di tre bambini viene rapinata in casa da un gruppo di malviventi. Squarci di criminalità metropolitana che rivelano il volto oscuro e inquietante di una grande città come Milano, soprattutto delle sue periferie che, abbandonate e lasciate alla mercé di spacciatori di droga e delinquenti vari, diventano teatro di guerriglie e di lotte di potere che spesso spingono a gesti estremi, come l’omicidio. L’ispettore di polizia Celeste Bruno della Squadra Mobile della questura di Milano e lo scrittore Paolo Brera raccontano, con un linguaggio immediato, nove episodi realmente accaduti che hanno impegnato la polizia, e si addentrano nei meandri più nascosti della "mala vita" che regna tra il giorno e la notte della metropoli milanese.

Il sig. A. Retta e altri. R...

Il sig. A. Retta e altri. R…

In raccolta di racconti Matteo Fedele unisce il comico al drammatico, l’ironico al serio, le risate alle riflessioni. Senza trascurare un tocco di sano thrilling. Come un pittore impressionista munito della sua tavolozza, l’autore dipinge un picco…

Racconti perimetrali

Racconti perimetrali

Un vecchio proverbio recita "casa dolce casa" e subito riaffiorano alla mente quelle immagini tenui di case di campagna, con i bambini che giocano felici sui prati e le tendine rosa pallido alle finestre… Ebbene, con la raccolta di rac…

Racconti calabresi

Racconti calabresi

Nicola Misasi (Cosenza 1850 – Roma 1925), scrisse più di 50 romanzi e circa 200 racconti, volti a illustrare passioni, drammi, e leggende del popolo calabrese.

Un anno nella vita. Raccont...

Un anno nella vita. Raccont…

Un manager, in una pausa dell’esistenza, riflette sulla lunga esperienza che lo ha portato, nonostante le eresie e le scomodità del personaggio, a capo di importanti imprese. Lo scavo inizia con la raffigurazione della vita ordinaria: ministorie d…

Racconti urbinati

Racconti urbinati

Ventidue racconti che riportano il lettore all’Urbino di cinquant’anni fa, quando l’attuale parcheggio di Borgo Mercatale era il luogo di riunione per i contadini e i loro animali; quando l’odore del pane si diffondeva per i vicoli; quando "a…

Racconti per non impazzire

Racconti per non impazzire

Otto racconti in bilico tra psicologia e fantasia, tra il concepibile e l’irrealizzabile, nei quali i protagonisti vengono inghiottiti dalle proprie esistenze. Da Kum che, dolcissimo e confuso dalle cose degli uomini, esce dopo diciassette anni da…

Racconti

Racconti

Quante vite scorrono ogni giorno lungo i binari di un treno? I passeggeri, che siano lavoratori pendolari o studenti, anziani o bambini, si muovono quotidianamente tra le carrozze dei convogli ferroviari, ignari di sfiorare per un attimo l’esisten…

Racconti davanti al caminetto

Racconti davanti al caminetto

Queste storie scritte con passione dall’autrice negli ultimi anni, a tratti divertenti, altre commoventi, percorrono la sua vita tra Toscana ed Emilia. Attraverso i ricordi, le sensazioni e i sogni, il lettore si ritrova catapultato in un mondo im…

Che storia ragazzi!... Racc...

Che storia ragazzi!… Racc…

Nel "metato", ossia dove si essiccano le castagne, avevano luogo le conversazioni più disparate. È questo il centro dei racconti di due personaggi del paese, Ema e Duilio. Una parola dopo l’altra i due svelano la continuità di un luogo, …

Il popolo va agli uffizi. R...

Il popolo va agli uffizi. R…

"Guerrino Anchioni è un contadino e un bracciante, uno "alla buona". Non è artista o poeta né tantomeno filosofo, eppure si cimenta con Platone, con la Divina Commedia, con la scultura di Michelangelo. Guerrino è ‘il Popolo’, una fi…

Lascia un commento