Ninna nanna del lupo

Ninna nanna del lupo Titolo: Ninna nanna del lupo
Autore: Silvana Grasso
Editore: Marsilio
Anno edizione: 2012
EAN: 9788831713528

In una casetta di Bisacquino, paesino siciliano, nel breve spazio temporale che dalla sera si consuma fino a tutta la notte, tra il rituale accadimento della serva Clementina alle mani artritiche della novantenne padrona Mosca Centonze, e il momento in cui quest’ultima sentirà nuovamente, come nell’infanzia, la "ninna nanna del lupo" che dà il titolo al romanzo, ha luogo la rievocazione del passato, di un’esistenza, quella di Mosca (emigrata in America a inizio Novecento, finita in sanatorio, diventata moglie di un boss poi ucciso in un agguato e ritornata in Sicilia nel ’36) a cui fa da contrappunto quella della serva Clementina, in una storia che ha nella solitudine e nella sterilità i due grandi fuochi narrativi attorno a cui si addensano tinte forti, macabre, di una vitalità grottesca, e tornano a rianimarsi le figure e le vicende di una vita trascorsa. La notte dei ricordi della Ninna nanna del lupo è un sabbah linguistico a cui Silvana Grasso chiede di assistere partecipando di un ritmo e di una sintassi che si fondono a un lessico che forgia parole dall’arcaico e dall’aulico come dal dialetto e dal popolare, per un romanzo rutilante di immagini e odori, visioni viscerali di una moderna tragedia greca.

In bocca al lupo, maggiore

In bocca al lupo, maggiore

Lenin, Stalin, Marx, Molotov, Kruscev: sono alcuni dei nomi in codice di un gruppo di piloti protagonisti dei dodici racconti ambientati in una base aerea negli anni precedenti la caduta del muro di Berlino. Grazie alle loro avventure, il lettore …

Il plagio. La volpe è un lu...

Il plagio. La volpe è un lu…

Clara è una giovane donna, con un marito attraente, una posizione sociale sicura e una vita nel complesso invidiabile. Ha anche un particolare talento nell’individuare le cose che non vanno e gli innumerevoli aspetti disdicevoli e fatui della citt…

La primavera del lupo

La primavera del lupo

Il nuovo romanzo di Andrea Molesini, premio Campiello 2011 con Non tutti i bastardi sono di Vienna. Un romanzo di grande delicatezza, capace di commuovere e divertire lettori di ogni età, su una pagina dolente della nostra storia.

Alle due del pomeriggio

Alle due del pomeriggio

Alle due del pomeriggio di ogni giorno, tra le mura domestiche di una comune famiglia italiana, un padre suona per i suoi figli un dolce motivetto con il suo mandolino, dando inizio a un rituale di abuso destinato a ripetersi negli anni, scolpendo…

Il topo di campagna e il to...

Il topo di campagna e il to…

Un giorno un topo di città andò a trovare un suo amico in campagna. Questi era un topino cordiale, dai modi semplici. Per dare il benvenuto a quell’amico che veniva dalla città, organizzò per lui un banchetto con chicchi di grano, patate e po’ di …

Il destino del cacciatore

Il destino del cacciatore

Vigilia della Grande Guerra: Leon Courteney, nipote dell’alto ufficiale britannico Penrod Ballantyne, è un giovane e valoroso sottotenente dei King’s African Rifles. Ma la sua vera passione è la caccia grossa, cui si dedica col fedele e coraggioso…

Breviario

Breviario

Il "Breviario" contiene una raccolta di frasi, riflessioni, risposte, orazioni e confidenze dell’umile frate stigmatizzato, scelte e ordinate secondo temi ascetici e dottrinali.

Alle origini del laico. Dir...

Alle origini del laico. Dir…

Nel mondo contemporaneo sembra accorciarsi il distacco tra il politico e il sacro. Tra diritto e religione il confine diventa incerto. Eppure già nel pensiero medievale compaiono le prime teorie della laicità maturate in occidente. Persino in Tomm…

Troppo tardi per la verità....

Troppo tardi per la verità….

È notte fonda: un’auto lanciata a gran velocità per le strade di Brescia travolge un uomo, lasciandolo sull’asfalto senza vita e dileguandosi. Sembrerebbe un triste caso di omicidio colposo con omissione di soccorso, come anche i testimoni oculari…

Shoah

Shoah

In un film ormai celebre del 1984, il regista francese Claude Lazmann documentò l’orrore dei campi di sterminio nazisti attraverso il racconto di decine di testimoni, senza ricorrere ad immagini di repertorio. Quelle narrazioni sconvolgenti conflu…

Lascia un commento